La pandemia ha determinato una crisi economica senza precedenti. Dai dati recentemente pubblicati da Unioncamere risulta tuttavia che le imprese a guida femminile siano state tra le più penalizzate.

Del resto l’imprenditoria femminile è tradizionalmente sviluppata in alcuni dei settori più colpiti dalla crisi, come la ristorazione, il turismo, l’abbigliamento, la cura della persona, lo spettacolo. Inoltre, è un dato di fatto che sulla popolazione femminile siano ricaduti gran parte gli effetti collaterali del lock-down, come le nuove modalità di lavoro (lo smart-working) e di studio dei figli (la didattica a distanza).

A questo proposito giova ricordare che l’art.1, commi 97-106, della Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178 del 30 dicembre 2020) ha istituito un Fondo a sostegno dell’impresa femminile, con una dotazione di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022. Gli interventi previsti dalla norma possono riguardare:

a) contributi a fondo perduto per avviare imprese femminili, con particolare attenzione alle imprese individuali e alle attività libero-professionali in generale e con specifica attenzione a quelle avviate da donne disoccupate di qualsiasi età;

b) finanziamenti senza interesse, finanziamenti agevolati e combinazione di contributi a fondo perduto e finanziamenti per avviare e sostenere le attività di imprese femminili;

c) incentivi per rafforzare le imprese femminili, costituite da almeno 36 mesi, nella forma di contributo a fondo perduto per l’integrazione del fabbisogno di circolante nella misura massima dell’80% della media del circolante degli ultimi tre esercizi;

d) percorsi di assistenza tecnico-gestionale per attività di marketing e di comunicazione durante tutto il periodo di realizzazione degli investimenti o di compimento del programma di spesa, anche attraverso un sistema di voucher per accedervi;

e) investimenti nel capitale, anche tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi, a beneficio esclusivo delle imprese a guida femminile tra le start-up e le pmi innovative.

Entro fine febbraio dovrà essere emanato il Decreto attuativo da parte del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per le pari opportunità e la famiglia, che determinerà le modalità di attuazione, i criteri e i termini per la fruizione delle agevolazioni previste dalla Legge.

Nel frattempo la Regione del Veneto, con Deliberazione della Giunta Regionale n. 60 / DGR del 26/01/2021, ha approvato il “Bando per l’erogazione di contributi alle PMI a prevalente partecipazione femminile. Anno 2021” sulla base della Legge regionale 20 gennaio 2000, n. 1.

Il Bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto, in regime de minimis, pari al 40% della spesa rendicontata ammissibile per la realizzazione di interventi di importo non inferiore a euro 20.000,00 e non superiore a euro 130.000,00.

Rientrano tra le spese ammissibili quelle per l’acquisto, o l’acquisizione tramite leasing finanziario, di macchinari, impianti produttivi, hardware ed attrezzature nuovi di fabbrica nonché per negozi mobili, le spese per arredi nuovi di fabbrica; mezzi di trasporto ad uso interno o esterno ad esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture; opere edili/murarie e di impiantistica; software – anche in cloud, brevetti, licenze, know-how o conoscenze tecniche non brevettate; banche dati, ricerche di mercato, biblioteche tecniche; campagne promozionali anche sui social network.

Le domande di sostegno dovranno essere compilate e presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione del Veneto. La fase di compilazione sarà attiva dalle ore 10.00 di martedì 9 febbraio 2021 alle ore 12.00 di mercoledì 24 febbraio 2021 e quella di presentazione dalle ore 10.00 di martedì 2 marzo 2021 fino alle ore 17.00 di giovedì 4 marzo 2021.

Giovanni Loi

Commercialista Venezia